Compressione della volatilità sul cambio dollaro-yen che oscilla in Area 103,5-104,5

Sono passate ormai più di due settimane da quando il cross USD-JPY è rimasto imbrigliato all’interno di uno strettissimo trading range con estremi a quota 103,5 e 104,5. Una congestione di appena una figura per una delle coppie più scambiate nel mercato del Forex e storicamente una delle più volatili e con ampie oscillazioni di brevissimo.

La divisa nipponica continua a mostrare i muscoli rispetto a quella statunitense, poiché dal Paese del Sol Levante arrivano ancora notizie macro in chiaroscuro. Le più recenti hanno visto la stima preliminare dell’indice PMI manifatturiero della Jibun Bank giapponese di Gennaio assestarsi a 49,7 punti, ovvero ancora al di sotto della soglia di espansione rappresentata da quota 50 punti.

L’indicatore PMI relativo al settore Servizi ha invece fatto peggio, scendendo a 45,7 punti, ovvero sotto i 47,7 punti della lettura finale di Dicembre. In flessione anche la prima lettura dell’indicatore PMI composito (PMI manifatturiero + PMI servizi), che sempre nella stima flash del primo mese dell’anno è sceso a 46,7 punti dai 48,5 punti dell’ultima stima mensile del 2019.

A rafforzare ancora di più lo Yen sul Dollaro ha contribuito anche il nuovo tonfo fatto registrare dall’indice dei prezzi al consumo giapponese nel mese di Dicembre, in flessione dell’1,2%su base annua. Il calo era atteso dagli analisti, che avevano stimato una contrazione dell’1,3%, ma si è sempre trattato di un netto peggioramento rispetto al -0,9% di Novembre. Il Ministero degli Affari Interni giapponese ha inoltre reso noto che l’indice dei prezzi al consumo Core, al netto delle componenti più volatili, tra cui alimentari freschi, è diminuito dell’1,1% su base annua (attese -1,1%), facendo peggio del -0,9% registrato a Novembre.

Tra le poche note positive, l’incremento degli ordinativi di macchine utensili, che secondo la stima finale di Dicembre, elaborata dalla Japan Machine Tool Builders’ Association (Jmtba), hanno fatto segnare +9,9% su base annua, battendo la stima flash, pari a +8,7%.

Sotto le attese la bilancia commerciale nipponica nel mese di Dicembre, che ha evidenziato un saldo positivo di 751 miliardi di Yen. Le aspettative, invece, erano per un surplus di 930,5 miliardi di Yen.

Negli USA l’ottava macro si è aperta con la lettura dell’indice manifatturiero elaborato dalla Federal Reserve di Dallas, relativo al mese di Gennaio, sceso a 7 punti dai 9,7 punti della precedente rilevazione. Stima inferiore ai pronostici degli analisti, che invece davano un miglioramento a 12 punti.

Partiamo dal principio che per guadagnare con il trading online è possibile, ma solo se ci si affida a dei broker seri e professionali, come ad esempio lo è ForexTB (clicca qui per visitare il sito ufficiale). Ad esempio ForexTB offre un servizio ottimo di segnali gratuiti (che puoi ricevere cliccando qui) per essere subito operativi su vari asset, un bel vantaggio.

Andamento cross USD-JPY sul breve-medio periodo

Grafico Dollaro Yen - 02 Febbraio 2021

Mentre scriviamo il cambio Dollaro-Yen scambia in area 103,60, facendo segnare un rosso di circa lo 0,15%. Come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero in alto, la coppia si trova ostaggio delle medie mobili di riferimento a 10, 25 e 50 periodi.

Le EMA minori, a 10 e 25 giorni (rispettivamente la prima linea dal basso verso l’alto e la linea mediana sul grafico) si sono sovrapposte in area 103,65. Ema 50 (la prima linea dall’alto verso il basso) si colloca in area 103,90.

Ciò significa che presto le quotazioni dovrebbero rompere la congestione, anche se al momento è difficile intuire la direzione che sarà intrapresa.

Sopra area 104,50 potremmo assistere ad un primo allungo verso quota 106 ed una successiva impennata verso area 107,50-108.

Allarme rosso, invece, in caso di flessione sotto area 103,50-103, poiché potrebbero verificarsi ulteriori crolli verso area 100,50-100.

Per approfondimenti: Fare analisi tecnica nel Forex, ecco la guida.

Modello di trading sul cambio dollaro-yen valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 104,12 in close oraria e fissa i primi due obiettivi in area 104,51 e 104,76; stop loss in caso di ritorno sotto quota 103,48 in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 104,76 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 105,16 e successivamente a quota 105,55; stop loss in caso di ritorno sotto quota 103,88 in close oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 105,55 per approfittare di possibili allunghi in area 105,95 e 106,60 estesi a quota 107,27; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 104,76 in chiusura oraria.

Consigliata l’apertura di Long sulla debolezza in caso di affondo in area 100,75 per sfruttare eventuali rimbalzi prima a quota 101,50 e in un secondo momento verso area 102,20, estesi a quota 102,85; stop loss in caso di discesa sotto quota 100 in close giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 103,48 e prevede i primi due target price in area 103,10 e 102,85; stop loss in caso di close oraria sopra quota 104,12.

Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 102,85 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 102,45 e successivamente a quota 102,20; stop loss in caso di recupero sopra quota 103,48 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 102,20, per cercare di ricoprirsi in area 101,78 e 101,50, estesa a quota 100,75; stop loss in caso di ritorno sopra quota 102,85 in close oraria.

Suggerita l’apertura di Short speculativi in caso di approdo in area 107,27, per approfittare di eventuali storni in prima battuta verso quota 106,60 e successivamente in area 105,95, estesi a quota 105,16; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 108 in chiusura di candela daily.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here